Samplers

   Exemplum, essamplaire, sampler. From Latin to old French to English... and from collection of alphabets and motifs to treasured work of art. This, in short, is the story of one of the most traditional needlework designs. 
   Yes, my books on samplers have arrived, and yes... I did my home-works!! :) Photos from museums' collections are extraordinary. I have spent hours paging through the catalogs and I guess I have finally found out what my large project for 2013 will be. I will stitch my favorite patterns and alphabets from the old samplers onto a long nice band of fabric, and make my own sampler, in the traditional sense. A collection of patterns I can refer to, similarly to what the Katy, Ann, Maria, Elizabeth who signed the original designs have done centuries ago. Makes me feel part of a sisterhood held together by the simple act of threading a needle and making that first small stitch. :) And it's a very good feeling!!
   I have had this long rustic band in my stash for ages, I think it's Fiddler's cloth, and never found a proper use for it. Well, what better than hemming it, and then stitching one of the most traditional alphabets from a Scottish sampler, with its beautiful 'flat-topped' A at the very beginning?



   Exemplum, essamplaire, sampler. Dal latino al francese antico all'inglese ... da collezione di motivi e alfabeti a piccola opera d'arte. Questa, in breve, è la storia di una delle forme più tradizionali di ricamo. 
   Eh sì, i libri sui samplers che avevo ordinato sono arrivati, e sì... ho cominciato a leggerli!! :) Le foto delle opere conservate nei musei sono straordinarie. Ho passato ore a sfogliare i cataloghi e credo di aver appena deciso quale sarà il mio progetto "grande" per il 2013. Copiare su una banda di tela i miei disegni e alfabeti preferiti tra quelli presenti nei vecchi sampler, per creare il mio personale sampler nel senso più antico del termine. Una collezione di disegni a cui fare riferimento, proprio come le Katy, Ann, Maria, Elizabeth che hanno firmato i samplers originali hanno fatto secoli fa. Mi fa sentire parte di una "sorellanza" tenuta insieme dal semplice atto di infilare un ago e ricamare quel primo, piccolo, punto. :D Ed è proprio una bella sensazione!
   Avevo questa banda un po' rustica nel cassetto da tempo, credo sia un tipo di aida chiamato Fiddler's cloth, ma non avevo mai trovato un modo per usarla. Ma quale migliore soluzione che orlarla con una piccola greca e poi cominciare da questo alfabeto tradizionale scozzese, con la sua bella A "piatta" all'inizio?

Comments

  1. Love the Scottish alphabet and you're doing such a nice stitch of it. Love to see as you progress! :)

    ReplyDelete
  2. E' proprio vero, tutte le tele ed i filati che teniamo chiusi per anni nei nostri cassetti hanno un loro momento ed anche un loro destino: questa banda sarà lo scenario di una magia.
    Buon lavoro!

    ReplyDelete
  3. Bello il significato nelle varie lingue, tant'è che i sampler hanno sempre il loro fascino!!!

    ReplyDelete
  4. E' una bella idea, anch'io prima o poi mi cimenterò con un alfabeto old style... Seguirò gli sviluppi del tuo progetto

    ReplyDelete

Post a Comment

thank you for stopping by! grazie della visita!