DMC geometry fabric

When I am not in a hurry, I like to go to work on public transport. It means half an hour with a good book before the working day begins. I always savour it...
Some weeks ago, on the way to work, I finished a nice novel by Elsa Chabrol, "L'heure de Juliette". Having lived happily in France for several years, I loved reading the stories of the 10 inhabitants of this imaginary (but not so much!!) miniature village in the Cévennes. Problem was, I finished the novel on my way to work, and had nothing to read on my way back home... So I stopped at the newsagent and tumbled on an interesting stitching magazine, which kept me good company all the way home. Among other things, it featured a couple of projects stitched on this Geometry fabric (DMC). I had already met this name, in a free chart I had picked up in a haberdashery shop, before realizing it required a special fabric that (so typical!) the shop itself did not stock...
This time I decided I would find the fabric, and bought it from a web shop. It arrived and I must say it looks very elegant, soft, the right "type" for pouches or cushions. Only, I hadn't a clue how to stitch on it!! The magazine said very little on the stitching technique. And the chart I picked up at the shop made me no wiser. So the fabric has been sitting in my stash for a while.
Last sunday I decided it was time I did something of it, and tried my chart... the result just did not seem right!! So I paged through the magazine again and found the trick!! You don't pierce the fabric but just slide your needle beneath the threads of the fabric (see photo). And there it goes. So simple!!


It is very reminiscent of swedish weave, or more basically sort of running stitches. It's certainly a very quick way to stitch as it uses Perlé n.5. And the back is certainly neat... but... not sure I really like it. 
Well, as for now, I finished my small scented pouch. And will probably try another design, sooner or later!



Quando non vado di fretta, mi piace andare al lavoro con i mezzi pubblici. Mi garantisce una mezz'ora buona di lettura, prima di iniziare la giornata. Me la gusto sempre...
Alcune settimane fa, andando al lavoro, ho finito di leggere un bel romanzo di Elsa Chabrol, "La sposa conveniente". Avendo vissuto in Francia per diversi anni (e trovandomi molto bene!), mi sono divertita a leggere le storie dei 10 abitanti di questo immaginario (ma neanche troppo!) villaggio in miniatura nella Cévennes. Il problema era, che ho finito il romanzo andando a lavorare, per cui non avrei avuto niente da leggere al ritorno...  
Così mi sono fermata in edicola e mi è caduto l'occhio su una rivista di ricamo, che mi ha poi tenuto buona compagnia fino a casa. Tra le altre cose, presentava un paio di progetti lavorati su tessuto Geometry (DMC). Avevo già incontrato questo nome, in uno schema che mi avevano regalato in una merceria, che però non aveva (tipico, vero?) la stoffa su cui ricamarlo...
Questa volta ho deciso di cercare il tessuto, e ho trovato un rivenditore sul web. Ne ho comprato un bel pezzetto e me lo sono rimirato quando è arrivato. E' una tela molto elegante, morbida, con la "consistenza" giusta per sacchettini o cuscini. Però, non avevo la più pallida idea di come ci si ricama sopra! La rivista diceva molto poco sulla tecnica. E lo schema della merceria ancora meno. Così Geometry è rimasta lì per un po '.
Domenica sera ho deciso che era giunto il momento di provare, e ho preso in mano schema, filo e tela... ma il risultato proprio non andava! Così sono tornata a sfogliare la rivista e ho trovato il trucco! Non si deve forare il tessuto, ma basta lasciare scivolare l'ago sotto i fili della trama (vedi foto). Et voila. Era così semplice!
Ricorda molto il punto filza, ed è certamente un modo molto veloce da ricamare, tra l'altro usa un grosso Perlé n.5. E il dietro del ricamo è sicuramente perfetto... ma ... non sono sicura mi piaccia molto. Comunque, per cominciare, ho finito il mio piccolo sacchetto profumato. E prima o poi tenterò un altro progetto!

Comments

  1. Ciao, bella! Mi piace molto tuo blog! Ecco, Sue Hillis vive vicino di me a Richmond, Virginia! Se tu hai bisogno di qualcosa di Sue, posso trovarlo facilmente!

    ReplyDelete
  2. Grazie Erika! Mi piace molto Sue Hillis. Ho comprato "To gno-me is to love me" qualche tempo fa e voglio iniziarlo appena finito City Park. Non vedo l'ora!

    ReplyDelete

Post a Comment

thank you for stopping by! grazie della visita!