Saturday, July 21, 2012

words... parole...

I once read that in Japan the number of characters one can read and write testifies the achievements made by students in school. By grade 6 children are supposed to know a thousand words, and by the end of junior high they should have learnt another thousand.
If I were to count the number of words I use in daily conversation, I would probably end up being considered as totally illiterate in Japan... and yet Italian is such a rich language! The problem I guess, with me (and most of us I am afraid...), is not an impoverished lexicon, but a huge, reiterate use of few words that end up being endowed with a meaning that is not their own. 
So, here is the reason for the quote I chose for my first design! :D
The problem is not new... Northanger Abbey was written by the end of the 18th century but I believe Mr Tilney's words are still very actual. Let's this small pouch remind me to get the best of the language of Dante (and that of Shakespeare too, LOL!) when I speak. I made it for my lace invisible socks, so I have a chance to read it daily... Here is the complete Jane Austen's quote:

“Very true,” said Henry, “and this is a very nice day, and we are taking a very nice walk, and you are two very nice young ladies. Oh! It is a very nice word indeed! It does for everything. Originally perhaps it was applied only to express neatness, propriety, delicacy, or refinement — people were nice in their dress, in their sentiments, or their choice. But now every commendation on every subject is comprised in that one word.” [http://www.pemberley.com/etext/NA/index.html]


Una volta ho letto che in Giappone i progressi di uno studente si misurano con il numero di ideogrammi che è in grado di leggere e scrivere. Alla fine delle elementari un bambino dovrebbe conoscerne un migliaio, e alla fine delle medie si suppone ne abbia imparati altri mille.
Se dovessi contare quante parole uso giornalmente in una conversazione, in Giappone probabilmente sarei classificata come completamente analfabeta... eppure l'Italiano è una lingua così ricca! Il mio problema (e credo anche quello di molte persone) non credo sia nella ricchezza del lessico, quanto piuttosto nell'uso massiccio e reiterato di poche parole, che finiscono per essere investite di un significato che non è il loro.
Ecco il perchè della frase che ho scelto per il mio primo disegno! :D
Il problema non è nuovo....  Northanger Abbey è stato scritto alla fine del XVIII secolo ma credo che le parole di Mr Tilney siano ancora attuali. Speriamo che questa piccola busta ricamata mi ricordi di usare sempre al meglio la lingua di Dante (e anche quella di Shakespeare magari, LOL!) anche quando parlo. L'ho pensata per metterci i fantasmini di pizzo, quindi c'è speranza che legga questa frase ogni giorno... Questo è il paragrafo da cui è tratta la frase, nella bella prosa di Jane Austen (e qui bello è proprio l'aggettivo giusto!!).

"Verissimo", disse Henry, "e questa è una bella giornata, e noi stiamo facendo una bellissima passeggiata, e voi siete due bellissime fanciulle. Oh! È davvero una bellissima parola! va bene per tutto. Forse in origine era usata solo per definire ciò che è ben fatto, appropriato, delicato o raffinato; la gente era bella nel modo di vestirsi, nei sentimenti, nelle scelte. Ma adesso ogni elogio su qualsiasi argomento è ristretto a quell'unica parola."  [http://www.jausten.it/jarcna.html]





5 comments:

  1. Nella vita di tutti i giorni finiamo sempre per usare un vocabolario ridotto, rispetto a quello disponibile, forse anche perchè saremmo prese per saccenti. Ma ogni tanto rispolverare qualche termine non è male... e il tuo ricamo è un bel modo per dirlo. Bello il tessuto, il ricamo e i colori che fermano in modo delicato le parole. Tutti quei bei bottoncini poi...
    Mi piace un sacco, Sonia

    ReplyDelete
  2. Amo i blog,quando questi, come per magia, diventano veicolo di cià in cui crediamo. Amo le parole semplici, quando queste arrivano dritte al cuore, senza fronzoli, ma è capace di parlare "chiaro" solo chi ha piena padronanza della lingua. Brava Ele, un motto da ricordare!

    ReplyDelete
  3. Hi Elena! I'm a new follower :)

    Thanks for sharing. I love your design!!!

    I had the opportunity to dabble in Italian when I lived in Bologna a couple years ago for school.

    To this day I love it more than any other language in the world. Music to my ears :)

    Happy Stitching!!!

    Melissa

    ReplyDelete
    Replies
    1. Nice to meet you Melissa! I am sure your italian is excellent, Bologna is a great place to learn italian... and cooking, I would add! ;D

      Delete

thank you for stopping by! grazie della visita!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...